24 ore di eventi e più di 100 performance in un’area dedicata di 70.000 mq, con un cast internazionale di circa 1000 artisti provenienti da 46 paesi dei 5 continenti del mondo per festeggiare l’arrivo del nuovo anno varcando confini geografici, culturali, sociali, in una Roma Città Universale.

Una festa cosmica, nel vero senso della parola, che porta Roma non solo al centro del mondo, ma direttamente sulla Luna, alla scoperta di un nuovo modo di vivere la propria città e di stare con gli altri.

Per un giorno intero dalle 21 del 31 dicembre 2018 alle 21 del 1 gennaio 2019 il cuore della Città Eterna, un’area pedonalizzata tra Piazza dell’Emporio, Giardino degli Aranci, Circo Massimo, via Petroselli, Lungotevere Aventino, Lungotevere dei Pierleoni e Isola Tiberina, si trasformerà in un paesaggio da sogno con un programma di spettacoli, performance, istallazioni, musica, proiezioni e molto altro ispirati da un tema comune: la Luna.

Festa di roma

ore di eventi
performance
artisti
paesi
mq

In occasione del cinquantenario del primo sbarco, tutte le performance artistiche di questa terza edizione de La Festa di Roma sono infatti ispirate al nostro satellite naturale, dove gli spettatori potranno “scendere”, abitando e condividendo il mondo magico creato dalla Festa.

Il viaggio partirà alle ore 21.00 del 31 dicembre al Circo Massimo pensato come una grande piazza, in cui attendere l’arrivo del nuovo anno. Aprirà la serata la Piccola Orchestra di Tor Pignattara, diretta da Pino Pecorelli composta da 20 ragazzi under 18 i cui genitori provengono da 14 diversi Paesi del mondo. A seguire i Kitonb, grande compagnia romana di livello internazionale che per la Festa presenteranno la performance Carillon, Il volo del tempo, un grande spettacolo di teatro urbano che si sviluppa tra la terra e il cielo, e’Ode alla luna, un omaggio creato per la Festa. Un ensemble capitanato da Vinicio Capossela si esibirà in un concerto per parole e musica dal titolo Vinicio Capossela in difesa della Luna che ci stupirà con un omaggio all’artista Guido Ceronetti, scomparso pochi mesi fa. Dopo il brindisi di mezzanotte lo spettacolo pirotecnico a cura di Acea, al quale seguirà il dj set e live di Achille Lauro, artista della nuova scena rap romana, che con la sua crew farà ballare il pubblico del Circo Massimo. Fino alle 03.00 la festa proseguirà con i dj di Dimensione Suono Roma, media partner dell’evento.

L’alba del nuovo anno verrà festeggiata al Giardino degli Aranci al suono di 100 chitarre elettriche, quelle dei coraggiosi musicisti che hanno risposto all’invito della PMCE – Parco della Musica Contemporanea Ensemble, per esibirsi dalle 7 di mattina del 1 gennaio sulle musiche composte da Michele Tadini.

E con La luna gira il mondo, nella mattinata del 1 gennaio la Festa raggiunge anche i quartieri Tiburtino III, Laurentino, Pigneto e Aurelio dove, in in 4 delle Biblioteche di Roma, si inizierà l’anno all’insegna della conoscenza reciproca e dell’incontro con alcune delle comunità di cittadini stranieri presenti a Roma, attraverso iniziative per adulti e bambini: laboratori di danza e cucina, workshop teatrali e musicali, letture e assaggi di varie cucine del mondo.

Dalle prime ore del pomeriggio del 1° gennaio la kermesse si sposterà tra piazza dell’Emporio e Lungotevere dei Pierleoni dove gli spettatori diventeranno i protagonisti di uno spazio pubblico pedonalizzato e trasformato per l’occasione in un luogo fantastico, dove danze in assenza di gravità e musiche dal vivo di ogni genere li accompagneranno in una passeggiata poetica e visionaria costellata da istallazioni stupefacenti, opere di videomapping e disegni di luce. Un gioco di laser azzurri creerà delle volte aeree sotto cui sfileranno giganti gonfiabili di ogni forma e dimensione, la strada sarà trasformata in un unico “tappeto” illuminato di rosso, dove marching band da ogni continente si esibiranno aprendo la strada a parate di tamburi per fuoco, giochi pirotecnici e girandole d’artificio.

Tutti insieme, pubblico di ogni età e artisti da ogni parte del mondo, per festeggiare l’inizio del nuovo anno all’insegna dell’incontro tra popoli e culture, pieni di speranze e sogni contro ogni isolamento, in una dimensione di grande coinvolgimento e partecipazione.

Festa di Roma 2019 è promossa da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale con il supporto del Dipartimento Attività Culturali e del Tavolo Tecnico della Produzione Culturale Contemporanea composto da l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Associazione Teatro di Roma, l’Azienda Speciale Palaexpo, la Casa del Cinema, la Fondazione Cinema per Roma, la Fondazione Musica per Roma, la Fondazione Romaeuropa, la Fondazione Teatro dell’Opera, l’Istituzione Biblioteche di Roma, con la partecipazione della Sovrintendenza Capitolina ai Beni culturali. L’organizzazione dell’evento è a cura di Zètema Progetto Cultura, regia e coordinamento artistico Fabrizio Arcuri, il disegno luce di Daniele Davino e la cura e la realizzazione dei video di Daniele Spanò e Luca Brinchi. Si ringraziano per la collaborazione Siae, l’Istituto Cervantes e l’Accademia d’Ungheria.