I solisti del PMCE e l’ensemble composto da 100 chitarre dei chitarristi amatoriali chiamati a raccolta attraverso una call pubblica, condotti dal Maestro Tonino Battista, suonano “Rainbow Bridge” di Mark Grey.
Fondazione Musica per Roma ha commissionato per il PMCE – Parco della Musica Contemporanea Ensemble un nuovo lavoro al compositore statunitense Mark Grey (1967) – di cui il PMCE di recente ha interpretato la partitura orchestrale tratta dall’opera Frankenstein all’Auditorium Parco della Musica – per quattro solisti alla chitarra elettrica, quattro sezioni orchestrali di chitarre elettriche, due sezioni di bassi elettrici, due percussioni e tastiere. L’idea era quella di trovare un legame con la partitura “La Mer” di Debussy senza necessariamente citarla in maniera esplicita. Questa nuova opera viene presentata in prima mondiale dal PMCE – Parco della Musica Contemporanea Ensemble.

 

A cura di Fondazione Musica per Roma

 

PMCE – Parco della Musica Contemporanea Ensamble
Orchestra
Diretto dal Maestro Tonino Battista, il PMCE – Parco della Musica Contemporanea Ensemble è un’orchestra formata da musicisti, ciascuno specializzato con il proprio strumento nelle nuove tecniche esecutive, in grado di interpretare e trasmettere la molteplice ricchezza della musica di oggi. I suoi musicisti hanno collaborato con Karlheinz Stockhausen, Philip Glass, Steve Reich, Terry Riley, Franco Donatoni, Michele Dall’Ongaro e molti altri. Alla Festa di Roma accompagnano dal vivo lo spettacolo Sylphes di Aerial Strada, eseguono le Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi nella versione di Max Richter, oltre ad accompagnare lo spettacolo pirotecnico di mezzanotte realizzato con il contributo di ACEA.